Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Le vie del gusto

Gli struffoli, dolci di Natale

struffoli, dolci tipici di natale
I famosi dolci natalizi della cucina napoletana
Una festante folla di palline di pasta dorate avvolte dal miele: gli struffoli, il famoso e tradizionale dolce di Natale a Napoli.
Una miriade di palline di pasta a base di farina, uova, strutto, zucchero, un pizzico di sale e liquore all'anice. e l'immancabile miele a tenerle insieme in un piatto che compare sulle tavole dei Napoletani nel periodo Natalizio, alla fine del cenone della viglia e al pranzo del 25 dicembre. Ma se ne fanno così tanti in famiglia che durano fino alla fine delle feste ed oltre.

Origine degli struffoli

Gli struffoli non sono nati a Napoli. Eppure sono parte integrante dell'atmosfera natalizia in ogni casa napoletana. Pare che gli struffoli siano stati introdotti a Neapolis dai greci ai tempi della colonizzazione dell'Italia Meridionale, detta poi Magna Grecia. In effetti in Grecia esiste un preparato simile: i loukoumades (ghiottonerie). E la genealogia degli struffoli non si esaurisce con la storia classica: secondo altre fonti l'origine degli struffoli è di derivazione spagnola. Andalusa per la precisione: da quelle parti si prepara un dolce molto simile, il piñonate, in cui le palline sono di forma più affusolata e allungata. Secondo alcuni sono stati portati a Napoli all'epoca del vicereame spagnolo, tra 500 e 600.

Quel che di certo si può dire è che a Napoli sono più che una moda: una vera tradizione del Natale insieme a: mustacciuoli, Roccocò e  raffioli.