Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Vico Equense, 27 secoli a picco sulla bellezza

Vico Equense
Panorami mozzafiato, castelli e musei da visitare
A picco sulle coste frastagliate della penisola sorrentina si stende il comune di Vico Equense antico di 27 secoli. Al settimo secolo avanti Cristo infatti risalgono le prime testimonianze di insediamento sul territorio equense.

Storiograficamente, invece, già lo storico Silio Italico, nel primo secolo d.C. racconta di un guerriero proveniente dall'Aequana, un territorio vicino Sorrento. In epoca medievale si confermano queste testimonianze trattando di un luogo che corrisponderebbe all’attuale rione Seiano.
Angioini e Aragonesi, poi, a ridosso del Rinascimento, consentono al vecchio paese di Aequa di ripopolarsi, costruendo mura, castello e una cattedrale in pieno centro.
Ma si deve attendere l’ ‘800 per vedere fiorire la attuale vocazione turistica di Vico Equense. E’ in questo periodo che, abbattute le mura e aperta la via di collegamento terrestre tra Castellammare e Sorrento, Vico Equense diventa, poco a poco, meta del primo turismo.
E nel 1906 arriva la ferrovia che collega la costiera con Napoli. Vico Equense e i suoi panorami mozzafiato sono a portata di gita.

Cosa vedere a Vico Equense

Oltre ai panorami mozzafiato, gli scorci di una bellezza incantevole e le terrazze a picco sul mare, arrivati a Vico, cosa si può fare? Visitare il Castello Giusso, potrebbe essere un’ottima idea. Si narra che Carlo II d’Angiò volle edificarlo tra il 1284 e il 1289, ma il nome gli fu attribuito solo nell’ ‘800 quando i proprietari Luigi e Girolamo Giusso lo restaurarono completamente. Gli affreschi nei saloni e la cappella, furono opera dei generosi proprietari che, alla fine del ‘700 ospitarono il grande giurista Gaetano Filangieri, consulente di Benjamin Franklin che proprio ospiti dei Giusso morirà in questo castello.

Musei e raccolte

Potrà interessare il turista anche l’Antiquarium Silio Italico, che raccoglie oggetti in bronzo, armi, ceramiche e vasi di una antica necropoli. Il museo mineralogico che raccoglie una collezione di circa 4000 minerali collezionati in 50 anni di ricerca da Pasquale Discepolo.

Natura e terme e delizie

E per gli amanti della natura e delle pratiche salutari, le terme dello Scrajo con sorgenti di acqua solfurea consigliate per le patologie dermatologiche respiratorie non si possono mancare. Tra itinerari escursionistici sui monti Lattari e le spiagge su cui è ancora possibile vedere i resti di una villa romana, Vico Equense è anche la patria del Riavulillo, una sorta di caciocavallo, servito caldo, ripieno di prosciutto, pomodoro, olive e funghi, celebrato nella sagra di Arola e del peperoncino particolarmente saporoso grazie alle fertili zone di coltura.

Tags: Natura, parchi e trekking, Panorami, Mare e spiagge