Concerti
  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

  • Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

    Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

  • Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

    Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

  • Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

    Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Oasi del Bosco Croce

Oasi del Bosco Croce - Occhiocotto
Piccola area verde ai piedi del Monte Falerio
L'Oasi del Bosco Croce si trova ad Albori, una frazione di Vietri sul mare nel salernitano. Nel 2000 la figlia di Benedetto Croce, a cui è dedicato il nome di questo posto incantevole, ha ceduto la proprietà al WWF.

L'Oasi comprende una parte di macchia mediterranea, le cui specie vegetali più diffuse sono: leccio, corbezzolo, ginestra, mirto, fillirea, alloro, erica arborea, rosmarino e timo. Mentre un'altra parte è costituita dalle tipiche terrazze della Costiera Amalfitana, con la presenza di vitigni ed alberi da frutto.

Da questo bosco si gode un'ottima veduta del Golfo di Salerno e ci si può rinfrescare vicino la sorgente de "Il Cesare", con rocce decorate da fini ciuffi di capelvenere. Attenzione alla pianta carnivora Pinguicola hirtiflora, situata negli angoli più nascosti del parco. Non mancano gli uccelli, suddivisi in molte specie: dai falchi pellegrini ai corvi imperiali, dalle civette ai teneri passeriformi tipici della macchia, tra cui il rarissimo occhiocotto.

Tra i mammiferi vi capiterà di scorgere volpi, cinghiali, tassi e faine; ma tra la fauna più selvaggia non possiamo dimenticare i rettili, tra cui il cervone e la natrice; mentre tra gli anfibi vi sorprenderà una la salamandrina dagli occhiali, purtroppo in via d'estinzione.
Insomma una giornata al bosco Croce servirà per trascorrere ore rilassate e spensierate, lontano dal caos cittadino.

Tags: Natura, parchi e trekking