Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Museo Archeologico Nazionale di Paestum

Museo Archeologico Nazionale di Paestum
Un'antichissima collezione archeologica tutta da scoprire
Tra i ritrovamenti più spettacolari da vedere, esposti nel Museo Archeologico Nazionale di Paestum, spiccano le metope provenienti dall' Heraion di foce Sele, e la tomba cosiddetta “del Tuffatore”, una tomba dipinta di V sec. a.C., e le lastre dipinte delle tombe di IV e III sec. a.C.
Per chi non lo sapesse, la metopa consiste in una formella in pietra, scolpita a rilievo (altorilievo o bassorilievo), posta in alternanza con i triglifi. 
Sarà possibile vedere anche una grande quantità di doni votivi, consistenti in statuette in terracotta raffiguranti la dea, ritrovati in seguito agli scavi.

Per visitare il museo seguendo un continuum cronologico ben preciso, è consigliabile vedere le tre sezioni nel seguente ordine:
- Piano terra: Da Poseidonia a Paestum. Dalla fondazione della città greca al tramonto dell'egemonia lucana;
- Galleria superiore: Prima di Poseidonia. Il territorio a sud del Sele in età preistorica e protostorica;
- Primo piano: Paestum romana.

In tal  modo il percorso espositivo si snoderà su sei percorsi chiari e distinti; infatti, si partirà dall'origine della città, per passare ad Heraion alla foce del Sele, ai santuari urbani, alla necropoli di Poseidonia-Paestum, fino ad arrivare alle tombe dipinte lucane e alla sala romana.
Da non trascurare, una visita ai resti archeologici provenienti dagli scavi di Paestum, siti all'interno del Parco Archeologico; così come sono di rilievo altre parti del Museo, come la stele in lingua osca e la tomba a camera di Spinazzo.

Lateralmente rispetto al Museo, si trova la Chiesa della SS. Annunziata, più nota come Basilica Paleocristiana, fiancheggiata da un palazzo vescovile settecentesco che in passato ha ospitato le raccolte provenienti dagli scavi della città.
Vale la pena visitare anche la Necropoli del Gaudo o Necropoli di Santa Venera, vicina alla Necropoli di Poseidonia-Paestum; il nome Paestum, infatti deriva da un'antica città della Magna Grecia chiamata dai fondatori Poseidonia, in onore del dio Poseidone.

Per scoprire a fondo le origini di questa città e tante altre curiosità, non vi resta che visitare il Museo Archeologico Nazionale ed anche il Parco Archeologico, visto che sono poco distanti l’uno dall'altro.

Tags: Musei