Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

La Piscina Mirabilis

piscina mirabilis
Una traccia rilevante della cultura ingegneristica al tempo degli antichi Romani
La Piscina Mirabilis è la più grande cisterna romana di acqua potabile mai realizzata e si trova a Miseno a pochi passi da Napoli. Risalente al periodo Augusteo, la Piscina Mirabilis è la più grande cisterna romana di acqua potabile mai realizzata.
Interamente scavata nel tufo, la particolare roccia su cui si erge tutta la città di Napoli, la Piscina Mirabilis può accogliere 12.000 metri cubi d’acqua. In effetti si tratta di una struttura notevole: è alta 15 metri, lunga 72 e larga 25, per un totale di 5 navate. E' sormontata da da una volta a botte che poggia su 48 enormi piloni, disposti in quattro file.

La funzione della cisterna doveva essere quella di approvvigionare acqua per gli uomini della Classis Misenensis, divenuta Classis Praetoria Misenensis Pia Vindex, la più importante flotta dell’Impero Romano, che ormeggiava nel porto di Miseno.

Attraverso macchine idrauliche, l'acqua veniva canalizzata verso il porto. La Piscina Mirabilis era in pratica il serbatoio terminale dell’acquedotto augusteo che, portava l’acqua a Napoli e nei Campi Flegrei, lungo un tragitto di 100 chilometri che si originava dalle sorgenti del fiume Serino, in provincia di Avellino.

Un luogo da non perdere e da conoscere assolutamente. Ottima meta per una giornata da spendere tra divertimento e conoscenza, nei meravigliosi paesaggi dei Campi Flegrei.


Leggi anche:

Seiano - Pausilypon: passeggiata al parco archeologico

L'Antro della Sibilla cumana

Un tuffo a Posillipo


Tags: Archeologia