Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

La Casina Vanvitelliana al Fusaro

Casina Vanvitelliana Fusaro
Una piccola pietra preziosa sul Fusaro
La Casina Vanvitelliana è uno raffinato esempio di architettura settecentesca e si trova su in isolotto del lago Fusaro nei pressi di Bacoli. Il suo nome deriva dal suo progettista, Luigi Vanvitelli ed è anche conosciuta come casa di Pinocchio.
Gli ampi e suggestivi spazi della zona flegrea furono scelti come location per lo svago dei nobili. La Casina Vanvitelliana si trova proprio in questa area, all'interno della riserva di caccia e pesca del re. La graziosa casina fu progettata da Luigi Vanvitelli su commissione della casa reale dei Borbone.

La zona del lago Fusaro era adibita a riserva di caccia e pesca per la Famiglia Reale già da metà 700 e la casina fu adibita a residenza per gli ospiti illustri: qui hanno infatti soggiornato Francesco II d'Asburgo-Lorena, Wolfgang Amadeus Mozart, Gioachino Rossini e, in epoca più recente, il secondo Presidente della Repubblica Italiana Luigi Einaudi.

La Casina Vanvitelliana è tra le più raffinate produzioni settecentesche e ricorda per alcuni dettagli architettonici la Palazzina di caccia di Stupinigi, progettata qualche tempo addietro da Filippo Juvarra, altro grande artista contemporaneo di Vanvitelli. Oggi appare in tutta la sua bellezza grazie ai lavori di restauro e ristrutturazione che la restituiscono così come fu un tempo. Ed oggi è una ricercata meta turistica, spesso tappa di itinerari e visite guidate ed è spesso utilizzata anche per matrimoni di rito civile.

E non sono pochi i Napoletani che amano lasciare il caos cittadino per riposare la mante e lo spirito facendo due passi in quest'area, tra verde, mare e appuntamenti con la storia e la cultura del territorio.

foto in copertina: Armando Mancini

Leggi anche:

Castello Aragonese di Baia

Il parco archeologico sommerso di Baia

Il lago d'Averno

Una domenica a Miseno



Tags: Architettura