Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Funivia del Faito - Esperienza ad alta quota

Funivia Monte Faito
La funivia del Faito per vedere Napoli dall'alto
La funivia del Faito è un impianto funiviario che collega la città di Castellammare di Stabia con il monte Faito, da cui prende il nome.
Essa entra in funzione prevalentemente nel periodo estivo, per evitare incidenti dovuti a pessime condizioni meteorologiche, che provocherebbero un’eccessiva instabilità alla struttura.

Molto emozionante il panorama visto da lassù, essendo trasportati da questo mezzo e restando sospesi nel vuoto per una decina di minuti circa.
Infatti, la funivia del Faito può trasportare 35 persone contemporaneamente e impiega 8 minuti per percorrere l’intera tratta. La funivia è stata aperta per la prima volta nel 1952 e la sua funzione è sempre stata di tipo turistico, oltre al fatto che sia ubicata in posizione strategica, poiché si trova molto vicino alla linea Napoli-Sorrento della Circumvesuviana. Dopo la chiusura del 1988, seguita ad una riapertura nel 1990 e ad una nuova chiusura nel 2012, la Funivia del Faito ha riaperto al pubblico il 4 maggio 2016, dopo accurati lavori di manutenzione e riqualificazione.

Una volta arrivati sul monte Faito, formato da rocce di tipo calcareo, subito vedrete numerosi faggi con oltre quattrocento anni di vita, che raggiungono una circonferenza di oltre sei metri. La fiorente vegetazione presenta anche altri tipi di alberi, tra cui i lecci e i castagni, senza contare le innumerevoli piante presenti, come l'orchidea e la Pteride di Creta, specie molto rara in Italia. Ci sono anche tantissime sorgenti, come quella della Lontra, presso cui potersi rinfrescare e fare rifornimento d’acqua, specialmente se fa caldo; potreste anche fermarvi per un pic-nic in compagnia e poi ritornare a valle.
Magari se resta del tempo, nel pomeriggio sarebbe opportuno fare un bel giro per Castellammare di Stabia, una città ricca d’arte e siti archeologici da visitare; o potrete semplicemente rilassarvi alle terme, per concludere in bellezza la vostra giornata.