Concerti
  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

  • Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

    Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

  • Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

    Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

  • Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

    Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Brucia Strega! Le storie del Liquore Strega

Liquore Strega
Il liquore digestivo dal sapore intenso famoso in tutto il mondo
Il liquore Strega è forse il più famoso liquore digestivo conosciuto in tutto il mondo. E’ prodotto dal 1860 sempre nelle stesse distillerie, dalla stessa famiglia, gli Alberti, e nella stessa città: Benevento.
E proprio a Benevento il liquore Strega deve il suo nome. La leggenda ha radici antichissime, risalendo addirittura ai romani. A Benevento esisteva, infatti, un pronunciato culto di Iside a cui Domiziano fece erigere anche un tempio.
Iside a sua volta era associata per traslazione e somiglianze anche a Diana o Ecate. Divinità legate al culto lunare, femminile e, molte volte profondamente violento cui le donne in ogni epoca tributavano riti, celebrazioni e devozione.
E’ interessante notare come il nome dialettale per indicare “strega” sia “Janara” derivato da “dianara - seguace di Diana”. In epoca medievale, i riti pagani aumentarono di portata, essendo divenuta la città dominio Longobardo. Questo popolo, venerando Wotan, padre degli dei, gli tributarono come sacrificio l’appesa di una pelle di caprone sotto le fronde di un enorme noce nei pressi del fiume Sabato.
Nelle epoche suggestive, l’inasprirsi delle attività portate avanti dalla Santa Inquisizione, alimentarono la leggenda che la città fosse il ritrovo delle streghe di tutto il mondo.
Ma di misterioso il liquore Strega non ha solo la leggenda legata al nome ma anche gli ingredienti, tenuti, comprensibilmente sotto assoluto segreto. Di certo sappiamo solo che lo Strega con il suo tipico colore giallognolo è liquore a base di erbe, dal sapore dolce con tinte di camomilla, noce moscata, conifore e cannella. Ma sono più di 70 le erbe e spezie utilizzate per la distillazione.
Tra queste spezie si conosce l’utilizzo della menta, del finocchio e dello zafferano, che da il colore al liquore. Ultima nota di non poco conto: il più prestigioso premio letterario italiano ancora esistente, il Premio Strega, è stato istituito da Guido Alberti proprietario dell’azienda nel 1947 e da allora ha premiato autori del calibro di Margaret Mazzantini, Umberto Eco e Primo Levi, tra gli altri.

Tags: Arte e cultura