Concerti
  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

  • Biagio Antonacci in concerto al Palasele

    Biagio Antonacci in concerto al Palasele

  • Soy Luna in concerto al Palapartenope

    Soy Luna in concerto al Palapartenope

  • Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

    Sal Da Vinci in concerto al Teatro Cilea

Visite guidate
Mostre
  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Personale di Casciello a Pompei

    Personale di Casciello a Pompei

  • L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

    L'esercito di Terracotta e il Primo Imperatore della Cina

  • Silvia Papas

    Silvia Papas

  • Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

    Mostra sui Longobardi al Museo Archeologico Nazionale

Giambattista Vico a Napoli

Giambattista Vico statua
Il filosofo partenopeo appassionato di diritto canonico
Giambattista Vico nacque a Napoli nel 1668 e fu un filosofo, storico e giurista italiano. Ammesso agli studi di grammatica presso il Collegio Massimo dei Gesuiti di Napoli, abbandonò la scuola intorno al 1680, per poi ritornarvi ottenendo scarsi risultati.

Frequentò per un pò la Facoltà di Giurisprudenza presso l'Università degli studi di Napoli, ma non ne rimase affascinato, infatti non seguiva mai i corsi; si laureò infine all’Università degli studi di Salerno in diritto civile e canonico, che erano le sue più grandi passioni, oltre alla filosofia.
Dopo aver trascorso alcuni anni al Castello di Vatolla, dove si autoperfezionò e svolse l’attività di precettore, ritornò nella sua amata Napoli.

Lì però fu affetto da tisi e dimorò a lungo nell'umile dimora paterna; per vivere fu costretto a dare lezioni di grammatica e retorica, finché aprì uno studio privato e nel frattempo lavorava su commissione alla stesura di poesie, epigrafi, orazioni funebri, panegirici, ecc. Vico all'epoca era sconosciuto negli ambienti intellettuali, dovendosi accontentare di una cattedra di secondaria importanza all'Università napoletana che non giovava molto alla sua precaria condizione economica; tanto che per pubblicare il suo capolavoro “Scienza Nuova”, dovette tagliare alcune parti in modo che risultasse meno costoso stamparlo.

Nell'ambiente culturale napoletano, molto interessato alle dottrine filosofiche, Vico ebbe modo di entrare in rapporto con il pensiero di Cartesio, Hobbes e Leibniz anche se i suoi autori di riferimento risalivano alle dottrine neoplatoniche, aggiornate dalle concezioni scientifiche di Francesco Bacone e Galileo Galilei. Giambattista Vico, dopo essersi gravemente ammalato, morì nel capoluogo partenopeo circondato dalla sua famiglia e dai suoi colleghi universitari; fu quindi sepolto nella Chiesa dei Gerolamini in Via dei Tribunali.

A Napoli ci sono una piazza ed un Liceo ginnasio statale dedicati al filosofo Giambattista Vico; la scuola, sita nel quartiere Montecalvario-Avvocata, possiede un laboratorio scientifico, un museo, una biblioteca, due palestre al coperto e due campi da gioco. Inoltre, c'è una bellissima statua raffigurante Giambattista Vico all'interno della Villa Comunale.