Concerti
  • Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

    Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

  • Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

    Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

  • Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

    Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Gabriele D'Annunzio a Napoli

Gabriele D'Annunzio
D'Annunzio: vita e opere nel capoluogo partenopeo
Gabriele D’Annunzio nacque a Pescara, nel 1863, ed è stato scrittore, poeta, drammaturgo, militare, politico, giornalista, patriota italiano e sapeva suonare abilmente il violino ed il piano.

Negli anni che vanno dal 1891 al 1893 D'Annunzio visse a Napoli, dove compose “Giovanni Episcopo” e “L'innocente”, seguiti da “Il trionfo della morte” e dalle liriche del Poema paradisiaco.
Le suggestioni nietzschiane, liberamente filtrate dalla sensibilità del Vate si ritroveranno anche ne “Le vergini delle rocce”, poema in prosa dove l'arte diventa strumento di una diversa aristocrazia e suprema affermazione dell'individuo.

Quest'ultima è l’unica opera che fa parte dei cosiddetti "romanzi del giglio", che rappresentano la purificazione dalla passione. Nel 1892, a seguito di una gara con Ferdinando Russo sulla capacità del poeta di comporre liriche in dialetto napoletano, D'Annunzio compone, seduto al tavolino dello storico Caffè Gambrinus, il testo de “'A vucchella (Sì, comm'a nu sciorillo)”, romanza che è stata musicata da Francesco Paolo Tosti, ed eseguita da celebri interpreti della musica lirica come Enrico Caruso e, più tardi, Luciano Pavarotti; ma anche da interpreti della musica leggera, come il famosissimo Roberto Murolo.

D’altronde la canzone napoletana è da sempre nota ed apprezzata in tutto il mondo. Tra i film tratti dai soggetti di D'Annunzio e da lui sceneggiati ci sono due opere composte nel periodo napoletano, ovvero "L’Innocente" e il “Delitto di Giovanni Piscopo”. Gabriele D’Annunzio lavorò, durante il suo soggiorno partenopeo anche alla redazione de”Il Mattino”, quotidiano fondato nel 1892 da Edoardo Scarfoglio e Matilde Serao.