Concerti
  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

  • Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

    Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

  • Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

    Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

  • Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

    Il barbiere di Siviglia all'Arena Flegrea

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Francesco Solimena, l'Abate Ciccio a Napoli

Francesco Solimena
Francesco Solimena, illustre pittore e architetto italiano
Francesco Solimena detto l'Abate Ciccio nacque a Serino nel 1657, ma trascorse gran parte della sua vita a Napoli. Solimena ebbe come guida suo padre Angelo, ma furono determinanti per la sua formazione gli insegnamenti di Luca Giordano, arricchiti con lo studio di Preti, Lanfranco e Cortona.

Quali maestri migliori poteva mai desiderare Solimena?! Grazie a loro giunse a comporre le opere barocche che contraddistinsero la sua prima fase; esse univano alla sensibilità cromatica e luministica una maggiore solidità volumetrica, sottolineata dai forti contrasti tra ombre e luci. Esemplari in tal senso sono gli affreschi della sacrestia di San Paolo Maggiore e le tele in San Nicola alla Carità.

La Roma classicista indusse Solimena alla ricerca di un maggiore equilibrio formale espresso attraverso un linguaggio alquanto accademico; tra le opere migliori di questo periodo ricordiamo la Cacciata di Eliodoro dal tempio, nella Chiesa del Gesù Nuovo. Poi lo stile di Francesco Solimena ebbe una svolta barocca, in una pittura dai contrasti cromatici molto intensi; fanno parte di questo felice periodo le seguenti opere: Trionfo di Carlo III di Borbone alla battaglia di Gaeta, che si trova all’interno del Palazzo Reale, a Caserta; Ritratto di Marzio Carafa, nel Museo Nazionale di Capodimonte.

Il Campanile della Cattedrale di Nocera Inferiore costituisce una delle rare realizzazioni architettoniche di Francesco Solimena, che lo progettò in linea con altre stupefacenti opere napoletane, come la chiesa di San Nicola alla Carità, il portale di San Giuseppe dei Vecchi, il suo palazzo di San Potito e la facciata della Chiesa di San Domenico Maggiore. Tra le sue monumentali opere troviamo anche l'altare di San Nicola nell'Abbazia di Santa Maria Maddalena in Armillis. Il pittore morì nella sua villa a Barra nel 1747.

Nel quartiere Vomero c’è una strada dedicata a Francesco Solimena e c’è anche un Palazzo che porta il suo nome, ubicato sulla collinetta di San Potito, di fianco al palazzo Caracciolo di Melissano; inoltre, in suo onore vi è anche una Scuola Secondaria Statale ad indirizzo musicale.

Tags: Arte e cultura