Concerti
  • Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

    Cristiano De Andrè in concerto al Teatro Augusteo

  • Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

    Metastasio per celebrare Carlo III di Borbone

  • Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

    Fabri Fibra in concerto al Palapartenope

  • Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

    Eduardo De Crescenzo in concerto al Teatro Cilea

  • Caparezza in concerto al Palapartenope

    Caparezza in concerto al Palapartenope

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Andy Warhol, vita e opere napoletane

Andy Warhol Vesuvius
Andy Warhol: poliedrico artista statunitense
Andy Warhol arrivò per la prima volta a Napoli nel 1975 su invito del gallerista Lucio Amelio, che cercò di di rilanciare nel circuito internazionale della cultura la città di Napoli, dopo aver trascorso del tempo a New York.

Incredibile la similitudine tra le due metropoli, infatti Andy fu subito rapito da Napoli “la città bazar”, che gli ricordava New York; tra la galleria di Amelio a piazza dei Martiri ed un ristorante di piazza Dante, fu girato il video “Andy Warhol eats”, dove si mostrava come l’artista si trovasse a proprio agio tra i vicoli della città, passando spesso inosservato.

Nel 1980 il quotidiano “Il Mattino” di Napoli titolò sulla prima pagina “Fate presto”, un sollecito che auspicava l’arrivo dei soccorsi da inviare alle popolazioni dell’Irpinia colpite dal terremoto. Lucio Amelio coinvolse alcuni artisti commissionando loro opere che ritraessero questo tragico evento, tra i tanti nomi spiccava quello di Andy Warhol. Il poliedrico artista decise di creare un’opera unica della serie “headlines”, realizzata rielaborando alcuni titoli di giornali, lavorando molto sul formato e sulle alternanze dei toni cromatici.

Il trittico “Fate presto” comprende tre tele monumentali incentrate sul disastroso terremoto irpino, invocanti l’arrivo urgente dei soccorsi. L’opera è custodita presso il Palazzo Reale di Caserta, e fa parte della più vasta collezione dal titolo “Terrae Motus”.
Andy Warhol è sempre stato attratto dai vicoli di Napoli e dai personaggi folkloristici, ma tra tutti restò affascinato dai femminielli; egli riteneva che fossero la versione partenopea delle drag queen newyorkesi. Per dimostrare il suo esplicito interesse, chiese ad alcuni di loro di posare come modelle per la produzione della fantastica serie “Ladies and Gentleman”. Molto interessanti e particolari sono le “Napoliroid”, che Warhol scattò in giro per il capoluogo partenopeo con la sua inseparabile Polaroid, immortalando scene di vita quotidiana.

Tags: Arte e cultura