Concerti
  • Music City Hall Napoli

    Music City Hall Napoli

  • Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

    Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • SonaRè Festival alla Reggia di Caserta

    SonaRè Festival alla Reggia di Caserta

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Alexandre Dumas, il romanziere nel capoluogo partenopeo

Statua Alexandre Dumas
Alexandre Dumas: vita e opere dello scrittore a Napoli
Alexandre Dumas fu un grande scrittore e drammaturgo francese, famoso per due capolavori: “Il conte di Montecristo” e “I tre Moschettieri”, romanzi ma anche film di successo.

Tra Dumas e Napoli ci fu un rapporto speciale, se ne innamorò nel 1835, quando vi giunse da letterato giovane, famoso come drammaturgo, dedicando alla città alcuni suoi libri, quali “Il Corricolo” e “La Sanfelice”, biografia romanzata di Luisa Sanfelice. Alexandre Dumas fu testimone della Battaglia di Calatafimi, descritta sapientemente nel suo romanzo storico “I garibaldini”; egli era molto amico di Giuseppe Garibaldi e lo accompagnò durante l’ingresso a Napoli; come lui entrò a far parte della Massoneria, essendo stato iniziato nella Loggia napoletana "Fede italica”, insieme a Luigi Zuppetta.

Garibaldi gli conferì la nomina di "Direttore degli scavi e dei musei", carica che mantenne per tre anni sino a quando preferì dimettersi e rientrare a Parigi, a causa delle continue opposizioni dei napoletani, che non volevano fosse uno straniero a ricoprire tale carica di prestigio. Alexandre Dumas scrisse anche la monumentale storia de “I Borboni di Napoli” e durante il suo soggiorno nel capoluogo partenopeo girò per la città, imparando a conoscere usi e costumi dei suoi abitanti.

Ne la sua opera “Il Corricolo”, descrisse così via Toledo: <<Toledo è la via di tutti; è la via dei ristoranti, dei caffè, delle botteghe; l'aristocrazia vi passa in carrozza, la borghesia vi vende le sue stoffe, il popolo vi fa la siesta.>>
Inoltre, notò che: <<Fra le tante stranezze napoletane, ci sono i motorini che, normalmente adibiti al trasporto di due persone, a Napoli servono a far intrufolare nel traffico cittadino piccole comitive di tre, quattro, anche cinque passeggeri, intere famigliole in bilico su due ruote, in un precario equilibrio tra incoscienza e fiducia nella buona sorte.>> A Napoli c’è la scuola francese Alexandre Dumas, all'interno dell’edificio Grenoble.