Concerti
  • Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

    Concerti al tramonto a Villa San Michele ad Anacapri

  • Festival della tradizione a Praiano

    Festival della tradizione a Praiano

  • Musica ai templi di Paestum

    Musica ai templi di Paestum

  • Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

    Ben Harper in concerto all'Arena Flegrea

  • Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

    Francesco Gabbani in concerto all'Arenile di Bagnoli

Visite guidate
  • Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

    Visite serali agli appartamenti storici della Reggia di Caserta

  • Visite serali ai templi di Paestum

    Visite serali ai templi di Paestum

  • Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

    Visite serali agli scavi archeologici di Ercolano

  • Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

    Visite serali agli scavi archeologici di Pompei

Mostre
  • Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

    Dinosauri in carne e ossa in mostra a Napoli

  • Mostra Pompei e i Greci

    Mostra Pompei e i Greci

  • Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

    Mostra fotografica su Sophia Loren a Sorrento

  • Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

    Mostra Klimt alla Reggia di Caserta

  • Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

    Amori Divini al Museo Archeologico di Napoli

Alessandro Scarlatti, opere napoletane

Associazione Scarlatti
Un compositore barocco famoso in tutto il mondo
Alessandro Scarlatti è stato un compositore italiano di musica barocca, particolarmente famoso per le sue opere. La fama rapidamente acquisita, la circolazione di alcune sue partiture in tutta Europa ed il conseguente stimolo ad affermarsi come operista lo conducono a Napoli.

Qui mette in scena, nel giro di diciotto anni, circa trentacinque drammi per musica, un numero indefinito di cantate ed una gran copia di musica sacra. Scarlatti fu uno dei massimi esponenti della Scuola musicale napoletana e sperimentò quelli che poi sono diventati i capisaldi del teatro musicale di tutto il mondo, almeno fino alla rivoluzione apportata da Mozart.

Egli ricorreva frequentemente al recitativo strumentato e all'aria da capo, senza contare l'importanza che le ouverture avanti l'opera, da lui ideate, ebbero nel fornire un modello per la prima fase di sviluppo dell’attuale sinfonia classica. Scarlatti lasciò Napoli nel 1702, quando si trovava al culmine della fama, poiché la sua musica si dirigeva verso un grado di ricerca formale più avanzata e voleva essere libero di fare nuove sperimentazioni. Ma la causa scatenante che lo portò a trasferirsi, fu la situazione finanziaria disastrosa della sua famiglia; gli stipendi, che doveva ottenere in qualità di Maestro della Reale Cappella, non gli venivano mai corrisposti regolarmente.

Nel 1708 il nuovo viceré di Napoli, il cardinale Grimani, offrì a Scarlatti di riprendere l'incarico di Maestro di Cappella, e il compositore decise di accettare.
Egli rimase fino alla morte nel capoluogo partenopeo; infatti la sua tomba si trova alla Cappella Santa Cecilia, nella Chiesa di S. Maria di Montesanto.
Il figlio Domenico Scarlatti divenne un grande clavicembalista, oltre che uno dei compositori italiani più famosi e attivi durante l'età barocca...buon sangue non mente!
A Napoli, a Piazza dei Martiri, è stata fondato un'associazione culturale che porta il nome di Alessandro Scarlatti, dove si tengono concerti e opere; poi c’è anche la via a lui dedicata nel quartiere Vomero. Inoltre, a lui e a suo figlio Domenico è stato intitolato il cratere Scarlatti sul pianeta Mercurio.