I Bastardi di Pizzofalcone - La serie tv


| Notizie
  • Alessandro Gassman

    Alessandro Gassman

  • I bastardi di Pizzofalcone

I Bastardi di Pizzofalcone, tratto dal romanzo omonimo di Maurizio De Giovanni, è la nuova serie tv in onda da lunedì 9 gennaio 2017 alle 21.00, su Rai 1.

La prima stagione, diretta dal regista Carlo Carlei, prevede un totale di sei puntate, ma visto il grande numero di spettatori che la segue, si prospetta già la programmazione di una seconda stagione. Il commissario di polizia Giuseppe Lojacono, interpretato da Alessandro Gassman, inizialmente riveste il ruolo di agente ad Agrigento, ma un collaboratore di giustizia lo accusa ingiustamente di aver dato informazioni alla mafia per favorire l'evasione di un boss; ecco perché sarà trasferito a Napoli, nel distretto di Pizzofalcone.

Da un momento all’altro la sua vita diventerà un vero inferno: divorziato, allontanato dalla figlia e per giunta destinato a Pizzofalcone, uno dei distretti più disagiati e mal gestiti della provincia. Una volta giunto lì, invece di eseguire incarichi minori, di competenza del commissariato, Lojacono riesce a risolvere un importante caso di omicidio e ciò lo pone in una posizione di rilievo, tanto che il capo Luigi Palma (Massimiliano Gallo), lo coinvolgerà in casi sempre più complicati. Il pool investigativo è formato da cinque poliziotti: Ottavia Calabrese (Tosca D’Aquino), con seri problemi familiari; Giorgio Pisanelli (Gianfelice Imparato),vicino alla pensione; Marco Aragona (Antonio Folletto), un raccomandato con poche possibilità di restare; Alessandra Di Nardo (Simona Tabasco), molto abile con le armi; e Francesco Romano (Gennaro Silvestro), un giovane dai modi troppo rudi e violenti. La PM della città è Laura Piras, interpretata da
Carolina Crescentini, che si innamorerà di Gassman e con lui collaborerà alle indagini, dando un contributo significativo per la risoluzione di ogni singolo caso.

La fiction è stata girata interamente a Napoli, nei luoghi più belli e suggestivi. Le riprese del Commissariato sono davvero state girate sulla collina di Pizzofalcone, con annesse scene ambientate a Palazzo Carafa, nella sede distaccata dell’Archivio Storico di Napoli (sezione militare). Il palazzo si trova in via Egiziaca a Pizzofalcone, al termine della salita di via Monte di Dio, la strada che conduce alla Scuola Militare Nunziatella ed al Teatro Politeama. Ogni puntata avvengono dei dialoghi tra Pisanelli ed un prete, a cui confessa le sue ansie e timori, all’interno della maestosa Certosa di San Martino.

Numerose le scene che dall’alto riprendono il Largo Tarsia, così come quelle girate all’interno dei palazzi dell’isola F del Centro Direzionale di Napoli, con riprese fino al ventesimo piano, che regalano una vista mozzafiato sulla città. Altre scene sono state girate all'interno di posti favolosi, appartenenti alla Stazione Toledo della Metro collinare Linea 1 (la stazione più bella d’Europa), passando poi per Piazza San Domenico e Piazza del Gesù, e proseguendo verso Via Nilo, fino a raggiungere Via San Biagio dei Librari con la famosa via dei presepi San gregorio Armeno.

Svariate le scene girate nei pressi del Borgo Marinari con lo splendido Castel dell’Ovo, che si affaccia sul mare; ma anche Piazza Sannazzaro fa da cornice alle scene girate sul lungomare di Mergellina, e spesso Gassman incontra la PM Crescentini in alcuni uffici appartenenti alla Municipalità Chiaia – San Ferdinando. Non mancano scene ambientate sulla spiaggia di Bagnoli, oltre ai frequenti incontri tra il commissario ed alcuni indiziati nei due poli universitari Suor Orsola Benincasa e Federico II, nella sede di Monte Sant’Angelo. Compaiono in più occasioni anche la struttura ospedaliera del Monaldi e il nuovissimo Ospedale del Mare.

  • Le 9 Porte più antiche di Napoli
  • Monastero dei Santi Severino e Sossio
  • Real Orto Botanico
  • Castel Sant'Elmo, la fortezza degli eventi
  • A spasso per Santa Lucia
  • Le 9 Porte più antiche di Napoli

    Tra le porte più importanti del capoluogo partenopeo ci sono: Porta di Costantinopoli, Porta Capuana, Porta Carbonara, Porta del Carmine, Porta Medina, Porta Nolana, Port’Alba, Porta San Gennaro e Porta del Santo Spirito.
  • Monastero dei Santi Severino e Sossio

    Sul lato orientale della Chiesa dei Santi Severino e Sossio vi è il Monastero, tra i più grandi della città di Napoli. Oltre l’originaria chiesa inferiore, è possibile ammirare tre chiostri monumentali, composti da circa 300 sale, ospitanti una istituzione importantissima: l'Archivio di Stato di Napoli.
  • Real Orto Botanico

    Con ben 25mila esemplari di 10mila specie diverse di vegetali, provenienti da ogni parte del mondo, l' Orto Botanico è molto frequentato da studenti, esperti del settore e da chiunque desideri un po' di relax. Le aree in cui le piante sono disposte seguono un preciso criterio ecologico: il deserto, la spiaggia, la torbiera, la roccaglia, la macchia mediterranea e le vasche per le piante acquatiche.
  • Castel Sant'Elmo, la fortezza degli eventi

    Aperto in qualità di museo, Castel sant'Elmo mette a disposizione i propri ambienti interni ed esterni per visite turistiche e grandi eventi e manifestazioni di carattere culturale e commerciale
  • A spasso per Santa Lucia

    La storia di Santa Lucia coincide con la storia di Napoli. Partenope fu fondata sul monte Echia dai Cumani, nell’ VIII secolo a.c., praticamente in cima a via Monte di Dio, una delle principali strade del quartiere

Iscriviti alla newsletter

Collaboriamo


eventinapoli
© eventinapoli | P.IVA 06949041211 | All rights reserved | Powered by raidnet.